Giovedì 18 Ottobre 2018

La Bardana è una pianta biennale con fusto robusto e scanalato

FAMIGLIA: Compositae

NOMI VOLGARI: Lappa - Lappola - Artiglio - Cappellaccio - Causarazzi - Cuoppo - Dapazza - Erba porcina - Gardalan - Zecchitella - Cima de rani - Lappolaccio

DA SAPERE: La Bardana è una pianta biennale con fusto robusto e scanalato, che può raggiungere i 2 m.di altezza. Lungo il fusto, le foglie sono alterne, verdi superiormente, grigiastre e vellutate nella pagina inferire, di forma ovale, sono molto grandi alla base. A fiori di color viola - rosacei, poco appariscenti, riuniti in corimbi con capolini peduncolati, sferici, contornati da brattee verdi uncinate, fiorisce da giugno ad ottobre, nel secondo anno di vita. I1 frutto è un achenio bruno-nerastro, con pappo formato da corte setole. La sua radice e' lunga, carnosa, bruna esteriormente e bianca internamente.

DISTRIBUZIONE E HABITAT: E' una pianta infestante, con parecchie specie analoghe per proprietà, cresce dalla pianura alla montagna,  prevalentemente la si trova nei boschi umidi e nelle radure.

  • Geoelemento: il tipo corologico (area di origine) è Eurasiatico temperato.
  • Distribuzione: in Italia è abbastanza comune in tutta la penisola (anche se in certe zone è considerata rara), ma è assente in Sicilia. Nelle Alpi (sia versante italiano che oltreconfine) è ovunque presente. Sui rilevi europei manca nelle Alpi Dinariche. Nell'America del Nord è considerata specie introdotta. È presente anche in Asia sia temperata che subtropicale.
  • Habitat: il suo habitat naturale è rappresentato dai prati incolti ma anche dalle aree antropizzate (lungo le siepi) e dai boschi. La specie è nitrofila. Il substrato preferito è calcareo ma anche siliceo con pH neutro, alti valori nutrizionali del terreno che deve essere mediamente umido.
  • Distribuzione altitudinale: sui rilievi queste piante si possono trovare fino a 1100 m s.l.m.; frequentano quindi i seguenti piani vegetazionali: montano e quello collinare (oltre a quello planiziale – a livello del mare).

CURIOSITA':La radice è diuretica, e depurativa. Le foglie sono antipruriginose, antisettiche e cicatrizzanti, mentre i semi sono purgativi. Molto efficace contro l'acne. Le foglie schiacciate ed applicate sulla pelle hanno un'azione battericida, alleviano il dolore e il gonfiore provocato dalla puntura di ragni ed insetti. Le radici ed i semi hanno proprietà diuretiche e depurative. La radice lessata e condita con olio aceto e sale è buona e nutriente. Le foglie giovani, raccolte prima della fioritura, dopo bollitura si consumano in insalata Il nome Arctium deriva da una parola greca che significa (orso), lappa deriva dal celtico lapp, e significa (mano)

PROPRIETA': Potente depurativo e antisettico, epato protettore, disintossicante, depurativa del sangue, diuretica, diaforetiche, coleretico, antidiarroica

- USO IN ORNITOLOGIA -

SOMMINISTRAZIONI: Somministrare i capolini ad inizio maturazione, oppure raccogliere i semi e utilizzarli per l' inverno.

SEME PREFERITO DA: Verdoni indigeni ed esotici , frosoni.